CEF: ma che roba è?

I Closed End Fund (CEF) sono dei fondi chiusi quotati che, banalizzando e per semplicità, assomigliano agli ETF. Come questi, si possono acquistare e vendere tramite delle quote sui mercati regolamentati (oltretutto Fineco li inquadra come ETF).
Temo che le similitudini per ora finiscano qui 🙂 .

Di seguito qualche peculiare caratteristica.

– I CEF quando vengono creati hanno un numero fisso ed immutabile di quote e ciò porta alla simpatica caratteristica, dovuta alla legge della domanda e dell’offerta, di avere un prezzo per la quota ed un valore per il sottostante (NAV), questo implica che difficilmente i due prezzi coincidano. Tutto questo discorso porta al fatto che si possano comprare i CEF a premio (premium – spendo di più per quello che ottengo) o a sconto (discount – spendo di meno per quello che ottengo).
Esempio pratico: il BIF (Boulder Growth & Income) in data 13/12 ha un prezzo di 10.86$ mentre il NAV vale 12.97$, ergo lo sconto è di circa il 16.3%. Il portafoglio è composto al 97% di azioni e di queste il 31% sono azioni Berkshire Hathaway (A e B) quindi, sempre spannometricamente per chiarire il concetto, riesco a comprare azioni BRK con uno sconto del 16%: non male, oltretutto il fondo distribuisce un dividendo a cadenza mensile del 3.8%.

– Altra caratteristica, è che sono gestiti in maniera attiva da un management (con ampi poteri, ma con obiettivi ben delineati) mentre le spese di gestione, per noi umili risparmiatori, sono trasparenti in quanto vengono già calcolate a monte sul NAV, quindi il prezzo della quota del fondo è al netto delle spese di gestione.

– La maggior parte dei CEF staccano mediamente dei diviendi più alti rispetto ad altri strumenti finanziari comuni e buona parte con cadenza mensile.

– Una ulteriore caratteristica da sapere, e ciò torna a nostro vantaggio, è che i CEF non falliscono, ovvero quando il gestore del CEF decide di chiudere il fondo (semplifico molto e comunque succede raramente), tutte le attività sottostanti sono vendute (NAV) e il capitale che ne scaturisce, al netto delle spese di intermediazione, è distribuito agli azionisti.
Esempio stupido ed assurdo per chiarire il concetto: compro una quota del fondo XYZ a 8$ con valore del NAV di 10$ (sconto del 20%). Il giorno seguente il gestore (impazzito) chiude il fondo, vende il NAV sul mercato, detrae le spese (irrisorie) e mi restituisce quasi 10$: ho guadagnato il 20%!

Come prima infarinata e per stuzzicare la curiosità direi che può bastare, sotto vi lascio qualche link per approfondire l’argomento (purtroppo in italiano non ho trovato niente).

https://www.cefa.com/
http://www.cefconnect.com/

PS. Se qualcuno è in grado di andare oltre le mie bonarie semplificazioni si faccia pure avanti: è il benvenuto.

 

Annunci

Storico prezzi 2.0

Riassunto della puntata precedente:
c’era una volta un piccolo e utilissimo file di Excel che mi permetteva di scaricare lo storico delle quotazioni. Purtroppo però, un bel giorno quel cattivone del Direttore di Yahoo ha deciso di sconvolgere le pagine e i riferimenti di Yahoo-finance.
Tragedia!
Con calma (e vaselina) ho modificato detto file appoggiandomi ai dati di Google-finance e fu di nuovo amore e serenità.

Probabilmente, qualche settimana fa, il malefico Direttore è stato licenziato da Yahoo ed è stato assunto da Google, pertanto la prima genialata che gli è passata per la mente è stata quella di rivoluzionare (in peggio) la pagina di Google-finance.
Il mio piccolo e dolce file di Excel non funziona più.
Tragedia!
Dopo le ennesime e amorevoli modifiche sono riuscito a dare nuova vita alla creatura che tante soddisfazioni mi ha dato in passato.

Questo file viene rilasciato in regime di “CopyLeft” per cui potete farne quello che volete.
Spero sia utile a qualcuno.

storico-prezzi-2-0

(file da rinominare .xlsm)

A presto.

Attività Novembre 2017

I dividendi percepiti questo mese ammontano a 180.25 euro.
Anche se di poco, ho superato la soglia psicologica di 200 euro mensili.
TWO ha effettuato uno split 2:1, quindi dalle precedenti 134 quote ora ne posseggo 67. TWO ha inoltre pagato un dividendo in azioni per cui mi sono state assegnate n.12 azioni GPMT.
La mia piccola azienda Betoil con una quota che vale 0.785 è in perdita del 0.74%.

Acquisti: /

Vendite: /

Mining

Per restare al passo coi tempi, ho deciso di investire nel mining delle criptovalute (poichè non ho nessuna intenzione di fare trading).
No, non sono impazzito, ho investito la mirabolante cifra di 140$ e nel solito resoconto di fine anno vi racconterò come è andata.
Il sito è questo: Genesis Mining, vi lascio per completezza anche il codice di sconto/affiliazione che, se volete, permette di usufruire di piccoli vantaggi reciproci 7vOK0k

A presto.

PS. Questo è il primo ed ultimo articolo di questo tipo.